La velocità del sito più veloce è molto importante!

La velocità del sito è stata a lungo un fattore di ranking di Google. Il brevetto per la velocità del sito di Google è stato concesso il 4 febbraio 2014 (brevetto USA 8.645.362). Seguendo questa attenzione sul tempo di caricamento della pagina desktop, la velocità della pagina mobile è diventata un fattore di ranking più di recente, nel 2018, come parte dello “Speed ​​Update” di Google. Il principale motore di ricerca mira a completare il passaggio all’indicizzazione mobile first entro marzo 2021. Pertanto, è più importante che mai prestare molta attenzione alla velocità di caricamento della pagina mobile.

I siti che si caricano rapidamente hanno prestazioni migliori in una serie di metriche di marketing e SEO, sia che si guardino ai risultati di ricerca organici, al coinvolgimento del sito, al tasso di conversione, alla frequenza di rimbalzo, all’abbandono o alla fedeltà.

migliorare la velocità di caricamento della pagina di 0,1 secondi può aumentare significativamente il tasso di conversione dell’8%. (fonte Google)
Un altro studio di Google ha rivelato che il 53% degli utenti web abbandona i siti con più di tre secondi di ritardo sui dispositivi mobili.

  • Il 53% degli utenti rimbalza dopo un ritardo di 3 secondi sui dispositivi mobili
  • I siti più veloci del 70% hanno una durata della sessione fino al 70% più lunga
  • 35% I siti Web veloci hanno in media frequenze di rimbalzo inferiori del 35%

Confrontando i siti Web mobili più veloci con i siti più lenti nello studio, i siti più veloci hanno prodotto una durata media delle sessioni maggiore del 70% e frequenze di rimbalzo inferiori del 35%. I siti mobili più veloci hanno guadagnato quasi il doppio delle entrate dei siti che hanno impiegato più tempo a caricarsi. Il tempo di caricamento della pagina più rapido offre seri vantaggi quando si tratta di migliorare le prestazioni del sito Web, tra cui più visualizzazioni di pagina, tassi di conversione più elevati e maggiori entrate.
La velocità della pagina appariscente è importante. Un utente ha il 90% di probabilità in più di rimbalzare quando una pagina viene caricata in 5 secondi anziché in 1 secondo.

Dai un’occhiata all’articolo correlato su Metti alla prova la velocità della tua pagina con questi strumenti straordinari

Vitali Web principali di Google (CWV)

“Web Vitals” è un’iniziativa di Google che fornisce indicazioni per indicatori di qualità che indicano un’esperienza “ottima” sul sito.

I Web Vital principali sono un sottoinsieme dei Web Vital. Ciascuno dei Core Web Vitals rappresenta un elemento dell’esperienza dell’utente. Ogni metrica è misurabile con qualsiasi pagina web in tempo reale (“Real User Monitoring”) e genera risultati incentrati sull’utente relativi al tempo di caricamento della pagina e all’accessibilità della pagina. Inoltre, Google ha affermato che Core Web Vitals diventerà un fattore di ranking organico nel tempo.

Aspettati che i Google Core Web Vital specifici si evolvano e cambino nel tempo. Al momento della stesura di questo articolo, tuttavia, Google si sta concentrando principalmente sui seguenti tre parametri dell’esperienza utente:

  • Largest Contentful Paint (LCP): misura le prestazioni di caricamento e dovrebbe verificarsi entro 2,5 secondi dall’inizio del caricamento della pagina.
  • Ritardo primo input (FID): misura il tempo di interattività e dovrebbe essere inferiore a 100 millisecondi.
  • Cumulative Layout Shift (CLS): misura la stabilità visiva e dovrebbe essere inferiore a 0,1.

Come puoi migliorare il tempo di apertura della pagina?

Desideroso di imparare come velocizzare le prestazioni del sito web ma non sai da dove cominciare? non preoccuparti, ti copriamo le spalle. Ecco 12 leve di ottimizzazione della velocità del sito Web per migliorare le prestazioni del sito Web, migliorare l’esperienza dell’utente e potenziare le classifiche SEO.

1. Configura un’infrastruttura veloce o usa un host veloce

L’ottimizzazione della velocità della pagina inizia con l’avere l’infrastruttura giusta. Assicurati che il tuo stack web sia costruito per la velocità. Ospita il tuo sito su un server dedicato ad alte prestazioni. Anche quando il tuo sito web ha un design pulito e un codice ottimizzato, i server condivisi possono rallentarti. Assicurati di utilizzare le ultime versioni della tecnologia in uso. E assicurati che la memorizzazione nella cache sia ottimizzata.

2. Utilizzo di un CDN

Vuoi sapere come velocizzare il tempo di caricamento della pagina web? Riduci la distanza che le informazioni devono percorrere tra il tuo server e l’utente finale. Ha senso vero? Un modo semplice per farlo è usare un CDN. Una Content Delivery Network (CDN) è un gruppo di server geograficamente distribuito (noto anche come POP). Funzionano in tandem per fornire i tuoi contenuti web più rapidamente. Sia che il tuo sito utilizzi HTML, JavaScript, fogli di stile, immagini o video, un CDN è un modo eccellente per aumentare la velocità del sito web.

3. Usa Gzip per la compressione dei file

GZip è una forma di compressione dei dati lato server che è utile per ridurre il tempo di caricamento della pagina. In altre parole, prende un insieme di dati e lo rende più piccolo per una consegna più snella ed efficiente al computer di un utente. La compressione Gzip riduce le dimensioni dei tuoi file HTML, fogli di stile e JavaScript. Nota, non funziona su immagini o video, poiché questi sono già compressi separatamente.

La buona notizia è che i principali CDN hanno la compressione GZip abilitata per impostazione predefinita, quindi finché utilizzi un CDN, molto probabilmente il tuo sito web è già coperto.

4. Minori le richieste HTTP, migliore il tempo di caricamento

Un metodo molto efficace per ridurre il tempo di caricamento della pagina è la riduzione del numero di richieste HTTP effettuate da una pagina. Quando qualcuno visita una pagina Web, il browser esegue il ping del server Web, richiedendo i file che costituiscono il contenuto della pagina. Quando il server risponde con i file richiesti, il browser esegue il rendering del contenuto della pagina. Il browser effettua una richiesta HTTP separata per ogni file che comprende il contenuto della pagina. Più file ci sono nella pagina, più richieste HTTP e, di conseguenza, più tempo impiega la tua pagina web per caricarsi.

5. Minimizza CSS e JavaScript

Un’altra tattica efficace per ridurre il tempo di caricamento della pagina è ridurre al minimo i file JavaScript e CSS. La minimizzazione è un processo che elimina tutti i caratteri, i commenti e gli spazi non necessari nel codice e utilizza nomi di variabili e funzioni più brevi, semplificando così il codice. Meno byte di dati nel tuo codice, più facile ed efficiente è il processo di caricamento della pagina.

6. Semplifica il tuo HTML

Semplifica il tuo codice HTML per accelerare la velocità del sito. L’HTML gonfiato aumenta il volume dei dati trasferiti agli utenti. Può anche influire sulle prestazioni di JavaScript quando si manipola il DOM. Se trovi che le tue pagine HTML contengono 5.000 o 6.000 righe di codice prima di qualsiasi contenuto sulla pagina (sì, questo accade davvero, anche tra le aziende Fortune 500), stai guardando HTML gonfio.

7. Ottimizza le immagini per velocizzare il caricamento della pagina

Qual è uno dei colpevoli più comuni nei siti Web lenti?

Immagini! Immagini davvero, davvero grandi. Abbiamo visto alcuni siti Web con immagini superiori a 1 MB e altri oltre 5 MB. Accidenti! Non farlo. File di immagini di grandi dimensioni rallentano drasticamente la velocità della pagina di destinazione, facendo anche aspettare il visitatore del sito (spesso con frustrazione).

Ottimizza le tue immagini, ma non distruggere la qualità dell’immagine. Vuoi piccoli file di immagine ma vuoi anche evitare un sito Web dall’aspetto amatoriale. Ci sono tantissimi plugin per l’ottimizzazione delle immagini per WordPress che puoi usare. Ci piace TinyPNG. Abbiamo ridotto la dimensione totale del file immagine su Terakeet del 48% con lo strumento.

8. Ripulisci la tua libreria multimediale

Nel tempo, è molto probabile che la tua libreria multimediale sia stata ingombra di vecchie immagini o immagini inutilizzate. Questo bloccherà il tuo sito. Pulisci la tua libreria multimediale eliminando le immagini non necessarie e altri file multimediali per tempi di caricamento delle pagine medi più rapidi.

9. Pulisci il tuo database

Simile alla tua libreria multimediale, il tuo database può gonfiarsi nel tempo con informazioni inutilizzate come foto, file e

L’ottimizzazione del database è il processo di identificazione ed eliminazione dei dati inutili e del contenuto inutilizzato dal database. A sua volta, questo aiuta il tuo server di web hosting a recuperare le informazioni richieste in modo più efficiente.

10. Rimuovere RB-JS (script java che blocca il rendering)

Quando le tue pagine web vengono caricate in un browser, viene inviata una chiamata a ogni script, spesso ad altri URL. Quella coda di script deve essere completata e vuota prima che la pagina sia visibile all’utente. I file JavaScript che bloccano il rendering diventano piuttosto un ostacolo in queste code, poiché possono richiedere tempo per il caricamento, impedendo il rendering del contenuto principale della pagina durante questo periodo.

Per impostazione predefinita, i browser Web caricano le risorse nell’ordine in cui si verificano nell’HTML. A volte, quando le risorse richiedono molte risorse di elaborazione sul dispositivo dell’utente, possono causare un ritardo sostanziale nella resa visiva della pagina. Tuttavia, molti di questi script non sono necessari per la visualizzazione iniziale della pagina web. In molti casi, sarebbe opportuno eseguire questi script dopo che la pagina è stata caricata.

Per risolvere questo problema, imposta il tuo JavaScript di blocco del rendering in modo che venga caricato in modo asincrono o rimuovi gli script non utilizzati o non importanti (o parti non utilizzate delle tue risorse JavaScript).

11. Usa intestazioni con scadenza

Le intestazioni di scadenza aiutano a ridurre il tempo di caricamento della pagina per i visitatori di ritorno al tuo sito web. Indicano al browser di richiedere un file dal server o di estrarlo invece dalla cache esistente del browser. Ciò riduce il numero di download dal server e il numero di richieste HTTP per accelerare il tempo di caricamento del sito Web. I siti Web moderni hanno spesso dozzine di file per pagina. Ogni file stesso aggiunge tempo di caricamento, in particolare i file di grandi dimensioni. Ma in aggiunta, la trasmissione di ogni file richiede una richiesta al server, che aggiunge anche tempo incrementale nel processo. Le intestazioni di scadenza indicano al browser per quanto tempo conservare un file nella cache in modo che le future visite alla pagina da parte dello stesso computer possano ignorare nuovi download e richieste HTTP.

12. Evita i reindirizzamenti degli URL

Un reindirizzamento URL è un’istruzione o un metodo che porta automaticamente un utente da un URL a un altro. Esistono diversi modi per implementare un reindirizzamento. Un reindirizzamento 301 è il metodo utilizzato per mantenere il valore SEO della pagina di inoltro. Ma indipendentemente dal tipo di reindirizzamento, questo processo rallenta la velocità della tua pagina, poiché richiede tempo per passare da un file all’altro. Pertanto, cerca di evitare o ridurre al minimo il numero di reindirizzamenti URL quando possibile.

Dai un’occhiata all’articolo correlato su Le 10 tecniche SEO off-page più potenti che dovresti conoscere