1. Attingi alla voce del cliente (VoC)

Finora, hai sviluppato i tuoi approfondimenti di ricerca dai dati relativi a query comuni, punti deboli ed esigenze del pubblico. Combina queste informazioni con le informazioni esclusive sul pubblico interno della tua azienda e sarai sulla buona strada per il nirvana delle parole chiave.

La voce del cliente (VoC) comprende tutti i tipi di feedback diretto del pubblico:

  • Email
  • Interviste ai clienti
  • Chiamate telefoniche
  • Chat dal vivo
  • Sondaggi in loco
  • Recensioni
  • Social media
  • Commenti sul blog

Può anche includere sondaggi e sondaggi sui clienti e a livello di settore che possono aiutarti a identificare il motivo per cui le persone amano il tuo marchio o si rivolgono direttamente al tuo concorrente. E può includere feedback indiretti come e-mail annullate o abbonamenti software. (O direttamente: dai sempre al tuo cliente la possibilità di condividere il motivo per cui ha annullato).

È facile per il tuo stratega SEO prendere l’abitudine di appoggiarsi interamente ai dati di ricerca per una questione di comodità: può essere un incubo coordinare la condivisione delle informazioni tra i reparti isolati. Ma questo è solo un motivo in più per cui abbattere i silos è fondamentale per il successo SEO della tua azienda.

Ottieni un consenso di alto livello per costruire i sistemi che rendono la condivisione delle informazioni tra i reparti il ​​più indolore possibile. Se utilizzi un sistema di assistenza clienti centralizzato come Zendesk, assicurati che il feedback venga registrato e archiviato in un luogo a cui il tuo team può avere accesso. Fai un elenco di tutti i diversi tipi di informazioni di cui hai bisogno. Quindi scopri come sistematizzare quella condivisione al punto in cui il processo è automatico.

2. Rendilo naturale

Il comportamento di ricerca si è notevolmente evoluto nel tempo. La ricerca vocale è decollata. E anche gli utenti desktop ora si affidano a Google per gestire query lunghe e specifiche che utilizzano il linguaggio naturale o pongono domande complete. Quindi, se sei combattuto tra due diverse parole chiave ad alta opportunità, scegli quella che suona più naturale.

Un altro vantaggio dell’utilizzo di parole chiave naturali? Contenuto naturale. La tua parola chiave ad alta opportunità non ti servirà a nulla se non è grammaticalmente corretta o se ti sembra forzata e imbarazzante. Lo stile di indicizzazione semantica di Google ti consente di giocare con il modo in cui incorpori le tue parole chiave nella tua copia. Quindi dividili o usa i plurali secondo necessità. Ma vorrai comunque utilizzare ogni parola chiave anche nella sua forma “vera”. (In questo caso, ciò significa la parola chiave esatta che i tuoi dati e la tua ricerca hanno prodotto.)

3. Sfrutta gli strumenti di ricerca delle parole chiave

Ci vuole la tua magia e il tuo know-how per impostare la strategia. Ma gli strumenti di ottimizzazione dei motori di ricerca forniscono un valido aiuto. I dati che rendono accessibili sono obbligatori. E i processi che sistematizzano possono rendere la tua strategia scalabile e senza problemi. Alcuni dei nostri preferiti includono:

Esplora parole chiave di Ahrefs

Questo strumento per le parole chiave fornisce volume di ricerca, difficoltà delle parole chiave, CPC e suggerimenti di parole chiave basati sia sulla corrispondenza a frase che sulle frasi che contengono alcuni degli stessi termini. Uno dei principali punti di forza di questo strumento di ricerca per parole chiave è che rivela la percentuale di ricerche senza clic, nonché la percentuale di clic organici rispetto a quelli a pagamento. Queste metriche aiutano a eliminare il grasso dalle frasi chiave con volume gonfiato. Di conseguenza, sarai in grado di concentrarti sui termini che effettivamente indirizzano il traffico del sito web.

Esplora parole chiave Moz

Questo strumento ha molte delle stesse funzionalità dello strumento di ricerca per parole chiave di Ahrefs. E le loro informazioni sono ugualmente affidabili. La differenza si riduce alle tue preferenze come utente, con Moz che guadagna punti per la loro presentazione leggermente più user-friendly.

SEMRush

SEMRush ha le stesse funzionalità di base di Ahrefs e Moz, con alcune differenze. L’interfaccia utente di SEMRush è un po’ carente rispetto ad Ahrefs. Ma offre dati extra intorno a PPC. E la loro funzione di analisi del gap di contenuto è più robusta.

Google Trend

Inserisci qualsiasi parola chiave nelle tendenze di Google e goditi visualizzazioni dettagliate della tendenza di quella parola chiave nel tempo. Viene sfruttato al meglio con idee per argomenti, non singole parole chiave. Ma puoi ancora testare molte delle tue parole chiave a coda corta per ottenere informazioni preziose. Se le ricerche per una parola chiave o un argomento sono in calo da un po’ di tempo, la parola chiave potrebbe non riflettere il modo in cui le persone stanno attualmente cercando. Se le ricerche per una parola chiave o un argomento stanno rapidamente aumentando, potrebbe essere un ottimo candidato su cui concentrarsi, indipendentemente dai volumi di ricerca storici.

Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google

Questo strumento di ricerca di parole chiave gratuito ti aiuta a identificare le frasi di ricerca in base al volume e al CPC. Tuttavia, è caduto in disgrazia con alcune persone nel mondo SEO. In gran parte perché i suoi volumi di ricerca generalizzati non sono così utili come le informazioni che gli strumenti SEO a pagamento possono darti. Ma gli altri strumenti devono estrapolare i dati del volume di ricerca. Questo fornisce i dati PPC direttamente da Google. È anche uno dei migliori strumenti gratuiti per scoprire più idee per le parole chiave di quante tu sappia cosa fare. Tuttavia, non sarai in grado di utilizzarlo senza un account Google Adwords. Ti consigliamo di utilizzare questo strumento insieme ad altri per espandere il tuo elenco di idee per le parole chiave.

Ricerca di parole chiave di Keyword.io

Il suggerimento automatico di Google non è l’unico gioco in città. Questo strumento fornisce suggerimenti per le parole chiave da una varietà di piattaforme molto amate, tra cui YouTube, Instagram e Amazon.

Google Search Central

Nella tua ricerca della parola chiave perfetta, non dimenticare di entrare in Search Console ed esplorare quelle che già portano traffico di ricerca al tuo sito. Queste informazioni possono portare a nuove idee per le parole chiave e prevenire l’insidia di rimuovere una parola chiave di alto valore dalla tua strategia. Possono anche aiutarti a rafforzare l’ottimizzazione on-page per una parola chiave che si trova appena al margine della prima pagina.

Clearscope.io

Il potere di Clearscope risiede nella sua capacità di analizzare i contenuti più performanti per le tue parole chiave target e fornirti una ripartizione delle altre parole chiave pertinenti nel contenuto. Il loro approccio unico ti consente di approfondire l’intento di ricerca più di qualsiasi altro strumento.

Soovle

Soovle è molto simile a KeywordTool.io nelle sue funzionalità di completamento automatico. Ma ogni strumento include piattaforme che mancano all’altro strumento. Ci piace che questo inserisca Wikipedia e Answers.com nell’equazione.

SpyFu

SpyFu è progettato specificamente per approfondimenti competitivi SEO e PPC. Stima il valore monetario delle modifiche al ranking, che può essere utile per stabilire le priorità dei tuoi sforzi SEO.

BuzzSumo “Domande”

Vuoi trovare nuove idee per i contenuti o ottenere risultati di ricerca vocale migliori? BuzzSumo Questions esegue la scansione di milioni di post di forum, Amazon, Quora e siti di domande e risposte per individuare le domande che le persone stanno effettivamente ponendo. Combina questo con altri strumenti per vedere come i concorrenti stanno rispondendo a queste domande e come puoi fare lo stesso, ma meglio. Ora che hai alcune linee guida di base su come condurre la ricerca per parole chiave, puoi tessere più efficienza nel tuo processo.

Rispondi al pubblico

Cerchi ispirazione per parole chiave o argomenti? Questo strumento abbinerà la tua parola chiave di destinazione con preposizioni (chi, cosa, quando, dove, perché, come), confronti (vs, like e or) e lettere dell’alfabeto. Quindi consentirà al completamento automatico di Google di andare in città nel nuovo elenco. Ti ritroverai con centinaia di query altamente mirate per una singola parola chiave.