La SEO è una parte necessaria per ogni sito Web per posizionarlo sui motori di ricerca come Google, Bing e molti altri motori di ricerca popolari. in questo articolo imparerai a conoscere alcuni dei principali pro e contro della SEO che non hai mai sentito prima. Ma prima di ciò leggiamo una semplice panoramica sull’ottimizzazione dei motori di ricerca.

Definizione di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO)

L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) implica il raggiungimento della posizione più alta o il posizionamento pratico negli elenchi naturali o organici come corpo principale delle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERPS) attraverso una gamma di combinazioni specifiche di parole chiave (o frasi chiave) immesse dagli utenti dei motori di ricerca .

Oltre a elencare le pagine che il motore di ricerca determina come rilevanti per la ricerca effettuata in base al testo che contiene e ad altri fattori come i collegamenti alla pagina, le SERP contengono anche altri strumenti che i ricercatori potrebbero trovare utili. Google definisce questi strumenti parte di una strategia nota come ricerca universale o mista.

Gli elenchi naturali o organici sono le pagine che elencano i risultati di una query del motore di ricerca che vengono visualizzati in una sequenza in base alla pertinenza della corrispondenza tra la frase chiave digitata in un motore di ricerca e una pagina web secondo un algoritmo di ranking utilizzato dal motore di ricerca.

Dai un’occhiata all’articolo correlato su Elenco di controllo dei migliori rapporti SEO del 2021

I pro della SEO

I principali vantaggi della SEO sono:

  • Altamente mirato. I visitatori sono alla ricerca di prodotti o servizi particolari, quindi spesso hanno un’intenzione di acquisto elevata: sono visitatori qualificati.
  • Visitatori potenzialmente a basso costo. Non ci sono costi dei media per la visualizzazione degli annunci o il click-through. I costi derivano esclusivamente dal processo di ottimizzazione in cui le agenzie vengono pagate per migliorare le posizioni nei risultati di ricerca.
  • Dinamico. I robot dei motori di ricerca scansionano quotidianamente la home page dei siti popolari, quindi i nuovi contenuti vengono inclusi in tempi relativamente brevi per le pagine più popolari di un sito (meno per i deep link).

Dai un’occhiata all’articolo correlato su Evita sempre questi 10 errori nel tuo percorso SEO

I contro della SEO

Nonostante la portata mirata e il basso costo della SEO, non è semplice poiché questi svantaggi indicano:

  • Mancanza di prevedibilità. Rispetto ad altri media, la SEO è molto inaffidabile in termini di ritorno sull’investimento: è difficile prevedere i risultati per un dato investimento.
  • Tempo per l’attuazione dei risultati. I risultati della SEO possono richiedere mesi per essere raggiunti, soprattutto per i nuovi siti.
  • Complessità e natura dinamica. I motori di ricerca tengono conto di centinaia di fattori, ma i relativi pesi non vengono pubblicati, quindi non c’è una correlazione diretta tra azione di marketing e risultati: “è più un’arte che una scienza”. Inoltre i fattori di ranking cambiano nel tempo.
  • Investimento in corso. Investimento necessario per continuare a sviluppare nuovi contenuti e generare nuovi collegamenti.
  • Scarso per sviluppare consapevolezza rispetto ad altri canali mediatici. Gli utenti devono già avere familiarità con un marchio o un servizio per trovarlo. Tuttavia, offre l’opportunità ai marchi meno noti di “andare oltre il loro peso” e di sviluppare la consapevolezza dopo il clickthrough.

Dai un’occhiata all’articolo correlato su Approccio di apprendimento passo passo per la SEO

Ricorda anche che il marketing sui motori di ricerca è solo uno strumento di comunicazione digitale online. Per i marchi affermati, dall’analisi web vediamo comunemente che più della metà dei visitatori del sito arriva a un sito, non attraverso i motori di ricerca, ma direttamente digitando l’indirizzo web o seguendo un segnalibro (gli strumenti di analisi web li etichettano come “no referente’). Il volume dei visitatori diretti mostra il potere del branding, delle PR e delle comunicazioni offline nell’indirizzare il traffico dei visitatori.