Come dovrebbero integrarsi e collaborare i due team per ottenere i massimi risultati?

In primo luogo, entrambi i team dovrebbero collaborare all’identificazione delle opportunità, all’ideazione e alla strategia, incontrandosi regolarmente per discutere e perfezionare l’approccio. Cerca modi per informarti a vicenda e collaborare durante l’esecuzione delle campagne. Quali iniziative e messaggi stai spingendo per il trimestre/mese/giorno? Che ne dici di rilasci di prodotti, festività e promozioni in corso? Avrai bisogno di generare tonnellate di nuove idee per i contenuti? In quali formati? Dove vivrà? A chi ti rivolgerai con la tua sensibilizzazione?

Inoltre, sii opportunista al di fuori del calendario di marketing stabilito. Che cosa è di tendenza o sta diventando virale? Ci sono nuovi problemi che potrebbero avere un impatto sulla reputazione dell’azienda? Cosa c’è nelle notizie e quale dovrebbe essere la tua risposta? Come puoi inserire in modo creativo il tuo marchio nella conversazione?

La divisione del lavoro varia da azienda ad azienda. Ma è importante che le responsabilità siano chiare tra le due squadre. In alcune aziende, il team SEO potrebbe produrre un elenco di obiettivi di sensibilizzazione dei blogger, mentre il team di pubbliche relazioni gestisce l’attività di sensibilizzazione.

In un altro scenario, le pubbliche relazioni potrebbero identificare determinate opportunità promozionali e affidarsi al team di ricerca per approfondimenti. Ad esempio, il team SEO potrebbe fornire dati sul comportamento di ricerca per ottimizzare le risorse della campagna per una maggiore visibilità.

Con questo in mente, ecco i modi per integrare i tuoi sforzi di PR e SEO per un maggiore ROI di marketing e per risultati complessi nel tempo.

Dai un’occhiata all’articolo correlato su Integrazione di PR e SEO per l’espansione dei risultati del marketing digitale

Eventi

Gli eventi sono un modo naturale per generare buzz e creare link di qualità. Dalle conferenze formali ai concorsi di cucina ironica, le aziende possono partecipare o organizzare un numero qualsiasi di eventi che riflettono il loro marchio.

Ad esempio, la società di videogiochi EA Games ospita EA Play ogni anno. È un evento gratuito che consente ai partecipanti di visualizzare in anteprima i giochi, giocare a giochi esclusivi e incontrare altre persone appassionate di giochi. Questo è un modo perfetto per EA Games di coinvolgere il proprio pubblico e allo stesso tempo stabilire un’autorità nel settore.

Dal punto di vista SEO, gli eventi rappresentano un’opportunità per produrre nuovi asset utili per la visibilità nella ricerca organica. Inoltre, gli eventi sono ottime opportunità per espandere i tuoi backlink. Il sito Web di EA Play ha generato collegamenti da più di 450 siti Web di terze parti. La conferenza Imagine di Magento vanta oltre 740 domini di riferimento. E per dimostrare davvero il nostro punto, l’evento Dreamforce di Salesforce ha generato collegamenti a ritroso da oltre 4.400 domini esterni. È chiaramente un eufemismo scrivere che gli eventi sono potenti sia per la SEO che per le pubbliche relazioni.

comunicati stampa

Il comunicato stampa non è morto. Il comunicato-stampa-su-niente-inviato in massa è morto, però. I comunicati stampa di oggi sono molto più mirati e personalizzati. Si concentrano anche sulle pubblicazioni e sui media in cui c’è una forte corrispondenza per la storia.

Per un buon esempio, leggi questo comunicato stampa di Apple. Nota che la storia conduce con il bocconcino più interessante: un robot per il riciclaggio! – e usa la Giornata della Terra e le crescenti preoccupazioni ambientali come cornice per la storia. Quindi collegano quel tema al programma Giveback di Apple (ora chiamato Apple Trade In). Situando la loro iniziativa come risposta a un problema più ampio che riguarda tutti, hanno implicitamente affrontato il “Perché dovrei preoccuparmi?” parte del processo del comunicato stampa, mentre indirizza i lettori al sito Web di Apple Trade In.

Il comunicato stampa originale ha ottenuto collegamenti a ritroso da oltre 500 siti Web. Ma più strategicamente, il sito Web di Apple Trade In ha guadagnato collegamenti a ritroso da oltre 3.000 siti Web.

Google ignora i link nei comunicati stampa stessi. Tuttavia, gli esperti di marketing sanno che i comunicati stampa personalizzati sono risorse incredibili. Non solo generano menzioni sui media, ma aumentano anche il traffico e i backlink alle proprietà digitali del marchio.

Articoli di sottotitolo, blog degli ospiti e interviste

Il guest blogging su fonti affidabili del settore è un modo eccellente per stabilire una leadership di pensiero e aumentare la consapevolezza del marchio. Con le PR che guidano la strategia e la SEO che guida la parte tattica, i team possono lavorare insieme per massimizzare il ritorno su ogni guest post.

Jason Fried e David Heinemeier Hansson sono i co-fondatori della società di software di gestione dei progetti Basecamp. Pubblicano articoli editoriali o vengono intervistati in siti Web di terze parti apparentemente senza sosta. Fried ha scritto più di 75 articoli di sottotitolo per Inc. Magazine, per esempio. Inoltre, lui e Hansson sono apparsi in una lunga lista di interviste in pubblicazioni di alto profilo come il New York Times, CNBC, Vox, The Tim Ferriss Show e Forbes. Basecamp ora ha più di tre milioni di account cliente e vale più di $ 100 milioni.

Gli articoli del sottotitolo mettono Basecamp in prima linea su molti argomenti e problemi di cui i co-fondatori sono appassionati. Dal punto di vista SEO, gli articoli hanno contribuito a un forte funnel di traffico e profilo di backlink, inclusi oltre 34.000 siti Web di riferimento.

Campagne creative

Quando una campagna è abbastanza creativa, diventa di per sé interessante. Ciò significa che può generare un enorme flusso di copertura mediatica, impressioni, visualizzazioni video, conversazioni, attività sui social media e backlink.

Se fatto bene, questo può risuonare così fortemente da evolversi in una pietra angolare del marchio anche anni dopo.

La campagna #LikeAGirl di Always che dà potere alle ragazze rientra in questa categoria. Il video originale ha collezionato oltre 67 milioni di visualizzazioni (e 4,4 miliardi di impressioni sui media nei primi tre mesi). Mentre i video di follow-up come il video #LikeAGirl – Unstoppable hanno più di 39 milioni. Una funzione #LikeAGirl della star del calcio Alex Morgan ha raggiunto più di 6,2 milioni. Un altro video che mostrava una squadra di basket di una scuola media in Oklahoma ha generato oltre 4,8 milioni. In totale, ci sono più di 25 video nella serie. La campagna includeva anche influencer marketing, sensibilizzazione sui media, infografiche, una spinta UGC per le ragazze a raccomandare emoji femminili più potenzianti, nonché un vertice di fiducia per le ragazze.

Google “#LikeAGirl” ora e ti troverai di fronte a più di 430 milioni di risultati di ricerca. La morale della storia? Sii creativo e connettiti con il tuo pubblico sui loro veri sentimenti, e potresti semplicemente colpire le pubbliche relazioni e l’oro SEO.

Newsjacking

Il newsjacking è una brillante strategia di content marketing che in realtà significa solo “Interagisci con le notizie in modo significativo”. In breve, quando succede qualcosa nelle notizie e il tuo marchio ha motivo di preoccuparsi, puoi sfruttare la popolarità dell’argomento fornendo la tua opinione su di esso e inserendo il tuo marchio nella conversazione.

Si applicano regole ovvie. Ad esempio, dovresti stare lontano da problemi con i pulsanti caldi che causerebbero una spaccatura tra il tuo marchio e una buona parte del suo pubblico. (A meno che, ovviamente, non decidi di intraprendere una campagna controversa come la collaborazione di Nike con Colin Kaepernick che ha dato a Nike un aumento delle vendite del 10%.) Lavora con contenuti di qualità e un tono che rifletta il tuo marchio. MoonPie è un professionista in questo, racconta storie spensierate e fornisce il proprio giro su di esse. Interromperanno persino i tentativi di newjack di altri marchi, con risultati spesso divertenti.

Dai un’occhiata all’articolo correlato su Tecniche segrete che possono ottenere backlink

Amplifica il contenuto

L’amplificazione del contenuto è ciò che trasforma un singolo contenuto in uno che rimbalza sul web. PR e SEO possono lavorare insieme per assicurarsi che ogni contenuto sia utile, condivisibile, coerente con il marchio e rilevabile. Senza quell’amplificazione cruciale, è improbabile che il tuo ritorno superi la quantità di sforzi che metti nei tuoi contenuti.

In Terakeet, sviluppiamo spesso strategie di contenuto e conduciamo un’ampia amplificazione dei contenuti generando backlink organici che rafforzano il profilo SEO di un marchio.

Ad esempio, per un fornitore di rifinanziamento di prestiti studenteschi, abbiamo ottenuto oltre 13,3 milioni di impressioni uniche del marchio, generando più di 5.800 interazioni con il pubblico attraverso oltre 470 posizionamenti di contenuti. Per un marchio di yogurt greco, abbiamo proposto agli influencer di generare 29 milioni di impressioni di marchio uniche attraverso 1.600 posizionamenti di contenuti.

La produzione di contenuti è efficace sia per la SEO che per le pubbliche relazioni. Ma l’amplificazione dei contenuti si traduce in un reale ROI sul marketing per il tuo marchio.

Le pubbliche relazioni sono più che link building

A volte, PR e SEO off-page sono usati in modo intercambiabile, ma sono fondamentalmente diversi. Le PR si occupano strategicamente di costruire relazioni a lungo termine, sviluppando un rapporto con giornalisti, pubblicazioni e blogger. Quindi sfrutteranno queste connessioni ogni volta che succede qualcosa a cui il loro pubblico potrebbe interessare. La costruzione di collegamenti, d’altra parte, è più interessata all’acquisizione di collegamenti da nuove fonti.

Le campagne SEO possono fornire forza, slancio e accesso a nuove opportunità. Mentre il team di pubbliche relazioni ha impiegato l’enorme quantità di tempo necessaria per coltivare relazioni con persone e pubblicazioni influenti. Sono queste relazioni che porteranno ai collegamenti più organici. Una storia di una singola pubblicazione influente può portare a centinaia o migliaia di condivisioni, risposte e opinioni da altre pubblicazioni. Le PR sono molto più interessate al chi che al quanti.

COLLABORARE, INTEGRARE ED EDUCARE

Il vero segreto per aiutare i tuoi team SEO e di pubbliche relazioni a collaborare e a svolgere al meglio il loro lavoro? Formazione scolastica! Per entrambe le squadre, il rispetto e la comprensione reciproci aumenteranno man mano che ciascuna squadra imparerà di più su ciò che fa l’altra.

Dove sono le sovrapposizioni e le differenze chiave? Dove ogni squadra può rafforzare e aiutare l’altra? Inoltre, porterà allo sviluppo di nuove idee e strategie man mano che due diversi approcci convergono.

Alla fine della giornata, non si tratta di avere un team di PR o un team SEO. Si tratta di avere entrambi e ottenere come risultato rendimenti composti!